Isolanti

POLISTIRENE ESPANSO (EPS)

Lastra di polistirene espanso sinterizzato ad elevato valore termoisolante, dovuto alla sua struttura cellulare chiusa formata dal 98% di aria. E’ raccomandato in edilizia anche perché è un materiale inerte non attaccabile da funghi, batteri e piccoli animali.

Le sue proprietà si mantengono inalterate nel tempo. Il polistirene è atossico, non contiene CFC né HCFC.

POLISTIRENE ESPANSO (EPS) ADDITIVATO CON GRAFITE

Ai già ottimi valori di lambda del prodotto in EPS, ora con la combinazione della grafite unita al polimero, si ottiene un isolante in grado di migliorare ulteriormente le sue proprietà termiche.

La grafite funge da barriera allo scambio termico grazie alla sua struttura molecolare a nido d’ape, assorbendo e riflettendo il calore incamerato, riducendo pertanto al minimo la trasmissione di calore per irraggiamento.

POLISTIRENE ESTRUSO (XPS)

Lastre isolanti di colore vario prodotte in polistirene espanso estruso con un minimo del 95% di celle chiuse, prodotti con gas ecologici senza CFC e HCFC.

Le lastre possiedono ottime caratteristiche termiche, insensibilità all’umidità e capillarità nulla, elevata resistenza alla compressione nel tempo, elevato modulo di elasticità, elevata resistenza alla diffusione del vapore acqueo. Le applicazioni sono tra le più varie, partendo da tetti piani rovesci alle coperture inclinate, dai pavimenti civili e industriali alle pareti perimetrali.

POLIURETANO

Pannelli costituiti da un componente isolante in schiuma polyiso (PIR), espansa senza l’impiego di CFC o HCFC. Le lastre possiedono ottime caratteristiche termiche, basso assorbimento d’acqua, buona resistenza alla compressione nel tempo.

Le applicazioni sono tra le più varie, partendo dalle coperture piane alle coperture a falda, in parete, a “cappotto” per finire con le pavimentazioni.

LANA DI ROCCIA

I pannelli in lana di roccia sono ottenuti dalla fusione di rocce vulcaniche in forno elettrico alla temperatura di ca. 1600 °C. Grazie alle loro eccellenti caratteristiche, i prodotti in lana di roccia possono essere usati ovunque sia necessario ottenere ottime condizioni di isolamento termico ed acustico e resistenza al fuoco. Grazie ala sua struttura fibrosa è permeabile al vapore e le sue fibre non assorbono acqua.

E’ impiegato nei casi di isolamento a cappotto, di facciate ventilate, di coperture in legno, per l'isolamento di pareti divisorie in cartongesso, in muratura e pavimenti.

LANA DI VETRO

La lana di vetro è un prodotto di origine minerale inorganica, composto da un intreccio di filamenti legati da una resina ignifuga. Grazie alle sue caratteristiche si ottiene un isolamento termico ed acustico e una totale garanzia in caso di incendio. E’ fornita sotto forma di pannelli e feltri, con vari rivestimenti, consentendo qualsiasi tipo di uso specifico per ogni esigenza.

E’ impiegata nei casi di isolamento di facciate ventilate, di coperture in legno, per l'isolamento di pareti divisorie in cartongesso, in muratura e pavimenti.

FIBRA DI LEGNO

La fibra di legno è un materiale di origine vegetale utilizzato come isolante. Viene prodotta dalla lavorazione del legno di conifere (abeti, larici, pini) derivato da scarti e residui di segherie o dalla selvicoltura (manutenzione dei boschi); la materia prima risulta, pertanto, priva di qualsiasi trattamento chimico. Dalla fibra di legno vengono prodotti pannelli di diversi spessori, formati e densità.

La fibra di legno trova impiego sia nelle costruzioni nuove che in quelle vecchie come sistema termoisolante a cappotto, isolamento delle pareti per la facciata ventilata, isolamento tetto o compartimenti più sottotetto, isolamento dei soffitti tra i piani, isolamento interno della parete esterna, isolamento del piano di installazione, isolamento del rumore impattivo per i pavimenti e base insonorizzante per parquet e laminato.

LANA DI LEGNO

Pannello costituito per il 65% da fibre di abete lunghe e resistenti e dal 35% di leganti minerali principalmente cemento Portland. Le fibre vengono sottoposte a trattamento mineralizzante che, pur mantenendo inalterate le proprietà del legno, ne annulla i processi di deterioramento biologico, rende le fibre perfettamente inerti e ne aumenta la resistenza al fuoco.

Le fibre vengono rivestite con cemento Portland, legate assieme sotto pressione a formare una struttura stabile, resistente, compatta e duratura. Queste caratteristiche fanno del pannello in lana di legno un prodotto dai molteplici impieghi, ad esempio: isolamento dei getti in calcestruzzo, isolamento dei solai, formazione dei tavolati di copertura, rivestimenti interni ed esterni, realizzazione di pareti leggere, rivestimento delle strutture in legno e metalliche, isolamento acustico tra i piani ed i locali adiacenti. Le sue caratteristiche di traspiranza ed innocuità lo identificano come materiale naturale e rispondente ai principi di bioarchitettura.

ARGILLA ESPANSA

L’argilla espansa è un materiale leggero ed isolante, ottenuto dalla cottura a circa 1200°C di speciali argille naturali. Il risultato di tale processo è un prodotto di forma rotondeggiante, avente volume 5-7 volte più grande rispetto a quello iniziale, con una struttura interna porosa e una scorza esterna clinkerizzata, compatta ed indeformabile le cui peculiarità sono: peso ridotto, elevata ritenzione idrica, ottima capacità drenante, elevata resistenza alla frantumazione, eccellenti prestazioni di isolamento termico ed acustico.

Le sue caratteristiche lo identificano come materiale naturale e rispondente ai principi di bioarchitettura. Molteplici possono essere i campi d’impiego dell’argilla espansa tra i quali: sottofondi di pavimento su solaio, sottofondi contro terra, per coperture piane ed a falde inclinate, sottotetti, riempimenti per alleggerimento del peso sulle strutture, strato drenante per giardini pensili, geotecnica, getti in calcestruzzo leggero strutturale, manufatti e componenti prefabbricati.

SUGHERO GRANULARE

Il sughero granulare è un materiale naturale fabbricato dalla corteccia della sughera, poi ridotta in granuli senza impurità, e viene utilizzato per il riempimento di intercapedini già esistenti e di spazi difficilmente raggiungibili, fornisce un buon isolamento termico ed acustico.

Mescolato a legante-vetrificante, è impiegato per la preparazione di sottofondi per pavimenti; impastato con cemento magro è utilizzato per l’alleggerimento di solai.

ISOLANTI ACUSTICI

Da alcuni anni a questa parte, complice anche una normativa più severa, vi è una maggiore attenzione al concetto di isolamento acustico, come risposta all’inquinamento da rumori cui siamo sempre più esposti, anche tra le pareti domestiche. Un isolante acustico viene utilizzato per limitare la propagazione del suono attraverso ambienti; non esistono in natura isolanti perfetti, ma impiegando particolari materiali ed accorgimenti nella loro posa si possono ottenere risultati soddisfacenti.

I materiali acustici si possono suddividere in categorie, quali: materiali fonoassorbenti, fonoisolanti, antivibranti. che sono efficaci per l'isolamento dei rumori aerei, di calpestio, e degli impianti tecnici. L'isolamento ottimale si può ottenere inserendo tra i vari elementi costruttivi uno o più di questi materiali.

Esistono in commercio varie tipologie di materiali acustici:

  • Polietilene reticolato fisicamente, espanso a celle chiuse per una distribuzione uniforme della prestazione e con elevata resistenza alla compressione nel tempo;
 
  • Polietilene reticolato fisicamente, espanso a celle chiuse, accoppiato inferiormente con fibra agugliata per migliorare la prestazione acustica e sul lato superiore con speciale tessuto con funzione anti-lacerazione;
 
  • Prodotto composto da polietilene espanso accoppiato sul lato superiore con un film alluminato e goffrato e sul lato inferiore ad una speciale fibra agugliata prodotta su specifiche calibrate per un migliore abbattimento acustico;
 
  • Materiale isolante composto da due strati da 3 mm di polietilene reticolato espanso a celle chiuse con inserita all’interno una lamina di piombo;
  • Isolante acustico in rotolo composto da fibre e granuli di gomma SBR (Stirene Butadiene Rubber) ancorati a caldo con lattice carbossilato ad un supporto in tessuto non tessuto antistrappo;
 
  • Isolante acustico in pannelli dello spessore composto da fibre e granuli di gomma SBR (Stirene Butadiene Rubber) e granuli di gomma EPDM (Ethylene Propylene Diene Monomer) ancorati e pressati a caldo con collante poliuretanico. I pannelli sono protetti da due supporti in tessuto non tessuto. Prodotto riciclabile ottenuto con il 95% di materiale riciclato.
 
  • Pannelli in fibre di poliestere riciclato proveniente dalla raccolta urbana differenziata e completamente riciclabile, non contiene sostanze tossiche, può essere maneggiato e posto in opera in totale sicurezza;
 
  • Prodotto in lana di vetro che è commercializzato sotto forma di rotoli, materassini e pannelli fonoassorbenti, possiede un'alta capacità di inglobare aria attraverso una corposa struttura lanuginosa e pertanto di disperdere in calore l'onda sonora. Certamente tra i migliori materiali fonoassorbenti. Ottima anche come isolante termico. Un prodotto relativamente economico ed altamente efficiente nella riduzione del rumore.
 
  • Prodotto in lana di roccia che posssiede caratteristiche similari alla lana di vetro e deriva da uno speciale procedimento estrattivo che riguarda la roccia vulcanica. Ha caratteristiche ignifughe superiori a quelle della lana di vetro. Si rinviene sotto forma di pannelli e rotoli.
 
 
 
Marchi prodotti isolanti acustici:
logo-edilteco-group-itpolymaxitaliaindex
 
Marchi prodotti isolanti fibrosi:
Logo IsoverLOGOfibran geo
 
Marchi prodotti isolanti poliestere e poliuretano:
dowlogo-news-42-thumbnewsStiferite logolisolante