Porte scorrevoli a scomparsa o esterne muro?

Porte a battente o scorrevoli? Negli ultimi anni le porte scorrevoli sono tra le più ricercate e proposte quando si fanno dei lavori importanti in casa. Saranno gli appartamenti sempre più piccoli, in cui recuperare ogni centimetro è fondamentale, saranno le proposte sempre più eleganti e di design, saranno le caratteristiche strutturali semplici da montare, che non necessitano opere murarie importanti… resta il fatto che noi di Enderle riceviamo moltissime richieste ogni mese per porte scorrevoli sia ad incasso che esterne al muro.

Perché sono così richieste? Sicuramente perché occupano molto meno spazio, non hanno bisogno dell’ingombro di apertura, ma non solo. Sono anche esteticamente molto piacevoli e separano gli spazi senza rimpicciolirli. Pensa ad esempio ad una porta a vetri che separa cucina e soggiorno in un open space, non toglie nulla allo spazio percepito, ma separa due ambienti in maniera decisa.

Vediamo insieme quali sono le tipologie di porte scorrevoli, come funzionano e cosa proponiamo noi di Enderle.

Porte scorrevoli ad incasso nel muro

Le porte interno muro sono sicuramente le più conosciute, classiche, quelle a cui si pensa in prima battuta. Sono perfette per sfruttare al meglio lo spazio perché rientrano nel muro consentendoti di sfruttare tutto lo spazio circostante.

Le porte ad incasso, per essere installate, hanno bisogno di un controtelaio all’interno del muro dove si trova la porta. È necessario quindi modificare la parete stessa. Questo significa realizzare un muro in cartongesso, il più delle volte, con rinforzi orizzontali che lo mantengano stabile inserendo il controtelaio e il binario per lo scorrimento.

Per ovvie ragioni l’installazione di una porta scorrevole a scomparsa è più semplice durante la costruzione o la ristrutturazione dell’abitazione e spesso è la soluzione più adottata. Sono molto durevoli e stabili, l’ideale in contesti di ristrutturazione di un immobile a cui portare del valore aggiunto. La resistenza è certo un punto a loro favore e molte soluzioni di design le rendono davvero belle da vedere, quasi un peccato che restino nascoste quando sono aperte.

porte scorrevoli garofoli3

Porte scorrevoli in legno Garofoli

porte scorrevoli scrigno

Porta scorrevole ad incasso Scrigno

porte scorrevoli garofoli1

Porte scorrevoli in legno bianche Garofoli

Porte scorrevoli esterne al muro

Le porte scorrevoli a esterno muro sono decisamente più facili da installare, ma più ingombranti di quelle a scomparsa. Non hanno bisogno dell’area di ingombro di apertura della porta, ma la parete sulla quale scorrono deve essere mantenuta libera per consentirne lo scorrimento.

Il binario può essere montato sia sul soffitto che sulla parete e può essere a vista, entrando a far parte del decoro della porta, o nascosto da una mantovana. Le porte a esterno muro sono perfette per chi non vuole apportare modifiche alla casa, ma ha necessità di recuperare spazio o sostituire le porte a battente.

Personalmente ritengo le porte a scorrimento esterno molto belle e di design. Alcune porte in vetro sono tanto belle da essere decorative con la loro sola presenza. L’ingombro della parete quindi passa in secondo piano. Inoltre sono proposte molto attuali e moderne, adatte ad arredamenti giovani, uffici e studi, ma adattabili anche a contesti più classici.

 porte scorrevoli casali

Porte scorrevoli esterno muro Casali in vetro

porte scorrevoli garofoli2

Porte scorrevoli esterno muro in legno Garofoli

Ricorda che le porte scorrevoli, soprattutto a scomparsa, sono molte belle e alcune hanno design accattivanti e molto belli, ma hanno bisogno di cure. Ad esempio i binari devono essere lubrificati periodicamente e controllati. D’altra parte, anche se più costose delle porte a battente, potresti avere diritto alle detrazioni del bonus fiscale nell’ambito della ristrutturazione edilizia, confermato anche per il 2018 in questi giorni.

Insomma, le cose da considerare sono tante. Passa in negozio e ti aiuteremo a fare la scelta giusta.

Letto 1378 volte