Pavimento in laminato: come posarlo, come pulirlo

Se bambini, cane e gatto ti hanno dissuaso dalla posa del parquet in legno, che pure adori follemente, il pavimento in laminato può essere un giusto compromesso.

Il pavimento in laminato è chiamato anche parquet stratificato perché è costituito da più strati di materiale legnoso pressofuso, una finitura esterna in HDF (High Density Fibreboard) e una pellicola che riproduce esteticamente le venature e i disegni del vero pannello in legno.

Per la tua vita dinamica un pavimento in laminato unisce facilità di montaggio, economicità e una facile manutenzione, senza rinunciare all’estetica e al calore del pavimento in legno.

Si può montare in autonomia? Consapevole che un professionista ci metterebbe probabilmente meno tempo, ha sicuramente tutta l’attrezzatura necessaria e gli anni di esperienza sufficienti a risolvere piccoli disguidi che puntualmente si presentano in ogni casa… sì, puoi farlo anche da solo.

Posare il pavimento in laminato in 3 step

1. Prepara la stanza dove devi posare il laminato.

Lava bene la base ed elimina residui di polvere o di lavori, sia che tu lo stia posando nella tua nuova casa in costruzione che sopra il vecchio pavimento anni ’70 che ormai ha fatto il suo tempo. Togli battiscope e porte e adatta gli stipi all’altezza del pavimento

Isola termicamente e insonorizza il laminato con un sottopavimento apposito
Lascia le doghe nella stanza aperte per una giornata per fare in modo che si adattino alla temperatura e all’umidità media

2. Posa del pavimento

Tutto pronto? Hai martello, blocco e distanziatori? Bene, iniziamo.

  • Posiziona la prima fila di listoni iniziando dall’angolo mettendo il maschio dalla parte del muro e posiziona i distanziatori dove poi installerai il battiscopa
  • Con il pratico sistema ad incastro, ormai presente in quasi tutti i laminati, è semplicissimo posare tutta la prima fila di listoni. Ovviamente l’ultimo listone dovrà essere tagliato a misura per essere perfettamente incastrato.
  • Incastra la seconda fila iniziando da pezzo rimasto dall’ultimo per avere un effetto più dinamico tra le diverse file. Incastra lateralmente con un’inclinazione di 30° l’asse e dai dei colpi con il martello per unirla perfettamente alla prima fila.
  • Ora non resta che procedere su tutto il pavimento nello stesso modo, assicurandosi di tagliare a misura l’ultima fila. Un lavoro certosino ma che ti darà grandi soddisfazioni.

3. Ultimi ritocchi con le finiture

Tutto qui? No. Ora sistemiamo tutto a dovere per un pavimento in laminato tutto da godere.

  • Attendi un paio d’ore prima di togliere i distanziatori.
  • Togli l’eccesso di sottopavimento con un taglierino
  • Monta il battiscopa, meglio con il silicone, tagliando a misura i profili
  • Installa la soglia della porta per coprire le inevitabili imperfezioni e differenze di altezza e rimonta la porta.

Come pulire il pavimento in laminato

Bello, vero, il tuo pavimento nuovo? Non avere troppa paura di rovinarlo. Non serve mettere le pattine al cane, nè impedire ai bambini di giocare sul pavimento. Certo, un po’ di attenzione non guasta, soprattutto quando si parla di pulizia.

La cosa migliore per eliminare la polvere dal pavimento in laminato è l’utilizzo di un panno statico o di una scopa con setole morbide. Se il tempo è tiranno l’aspirapolvere, ovviamente, va benissimo.

E per lavarlo? Il pavimento in laminato è di sicuro più resistente all’acqua rispetto al parquet in legno, almeno in superficie, ma l’umidtà rischia di infiltrarsi negli spazi microscopici tra le doghe, rischiando di farlo gonfiare. Quindi mocio o panno in microfibra ben strizzato passati a zig zag.

Con quali prodotti? Ci sono diverse piccole e grandi leggende metropolitane da sfatare.

  • Il detersivo per piatti viene spesso spacciato per un rimedio fantastico in molti siti internet. Beh, no. È appunto un detersivo per piatti, piuttosto aggressivo, che scolora e rovina il pavimento in poco tempo. In questo caso risparmiare sul detersivo…non fa risparmiare.
  • Evita come la peste detergenti a base di ammoniaca che con il tempo lava via il sottile film lucido che protegge il legno sottostante, creando brutti aloni opachi.
  • Il gel per doccia non è un trattamento benessere per il pavimento in laminato. Colorazioni e profumi contenuti in questi prodotti scolorano e rovinano irreversibilmente la superficie.

Detto questo esistono in commercio prodotti specifici per la pulizia del laminato, ma è possibile creare una soluzione fai da te molto meno costosa e altrettanto efficace a base di acqua tiepida (3 litri circa), aceto (mezzo bicchiere) e alcol (un bicchiere).

E quando i bambini hanno lasciato un segno indelebile, un graffio orribile (perché poi una volta individuato non potrai fare a meno di notare solo quello), puoi trovare in commercio kit pronti di riparazione molto semplici da utilizzare a base di cera sintetica, che restituiscono una superficie omogenea e liscia.

Allora? Hai deciso che dopotutto il laminato fa per te? Passa in negozio! Ti mostreremo i nostri campionari e ti aiuteremo a scegliere quello giusto per la tua famiglia.

Letto 510 volte